top of page

Persönliche Seite von Ulvipira
(...und Kontaminationen)

1 giugno (6).jpg

Mi presento pure io.

Piacere, Ulvipira.

Ulvipira, almeno per ora.

Tanto lo so già che mi ricambieranno il nome.

 

Secondo il progetto iniziale dovevo chiamarmi Annibale Orlando Maria. Impegnativo altrochenò, specialmente per un coniglio nano.

E’ successo che sulla carta, quando loro mi hanno conosciuto, c'era scritto che ero un giovane maschio riproduttore di prima qualità dell’allevamento tal dei tali. 

6 aprile (2).jpg

Però la veterinaria ha capito subito che invece sono femmina e quindi mi hanno chiamata semplicemente Maria.

Mi hanno anche sterilizzata appena ho iniziato a pisciargli la casa, quindi di riproduzione non se ne parla.

Poi è spuntato questo tizio che si chiama Ulvi Pira, Ulvi di nome e Pira di cognome, uno che gli ha imbiancato bene il bagno e di cui sono rimasti supercontenti.

Così, da un giorno all’altro, hanno smesso di chiamarmi Maria e sono diventata Ulvipira tuttoattaccato.

 

La più contenta di questo fatto parrebbe la nonna, la quale insisteva a dire che un coniglio non può chiamarsi Maria perché è blasfemo.

Ulvi e Pio.jpg

Comunque, la mia storia è iniziata che questi due volevano un coniglio e sono venuti alla mostra cunicola di Appiano, dove c’ero io rinchiusa dentro una cella minima, tra cinquecento celle di altrettanti conigli rinchiusi.

 

Si sono presentati lì con dei biscottini succulenti e ho capito che erano quelli giusti: quei due potevano liberarmi dalla prigionia e rimpinzarmi di biscottini. E’ chiaro che dovevo accaparrarmeli io prima che lo facesse uno degli altri 499 conigli!

Ho iniziato a fargli mille moine e a riempirli di bacini ogni volta che passavano da me e passavano sempre più spesso e alla fine  . . . . . .  ce l’ho fatta : )))

1 giugno (1).jpg

Ora ho un alloggio ottimamente accessoriato tutto mio e sempre aperto per cui giro dove mi pare, corro salto gioco mi floppo a terra e gli salgo sulla pancia e gli lecco la faccia e gli rosicchio i capelli.

Sono rilassata e felice, si vede?

La mia alimentazione ve la sciorino giù perché ne vale davvero la pena e può fare invidia a tutti i conigli del mondo: fieno di montagna, radicchi, catalogna, foglie di carota, foglie di sedano, foglie di ravanello, spinacino, prezzemolo, crescione, valeriana, finocchio, menta, tegoline, rucola, broccolo, tarassaco, pomodoro, basilico, peperone, insalata riccia, insalata foglia di quercia, indivia scarola, mela, arancia, banana, mandarini, fragole, mirtilli, ciliegie, anguria, melone...

A seconda delle stagioni.

IMG_20190617_100943.jpg
casa (1).jpg

Concludo confessandovi che il famoso proverbio “Il lupo perde il pelo ma non il vizio” vale lo stesso per noi conigli e ci tengo a precisare fin da subito che io non fotografo e ai matrimoni non ci vengo!

A disposizione per ulteriori chiarimenti ;)

Vi saluto.

E’ passato del tempo e necessito della vostra attenzione.

Non pensavo di avere altro da dire, invece sì.

A parte che hanno iniziato a chiamarmi Suor Orsola e non capisco perché, da qualche giorno mi trovo nelle peste: sti due hanno portato dentro casa un gatto e continuano a ripetermi che è un nuovo membro della famiglia, che è la mia sorellina.

IMG_20200309_135255.jpg
IMG_20200310_112637_edited_edited.jpg

Fino adesso ce la siamo cavata perché io e lei viviamo su due livelli separati: io mi muovo rasoterra e odio essere presa in braccio, lei non vede l’ora che la tirino su e si mette in tutti i posti più alti della casa.

Mi guarda dall’alto in basso.

Non tollererò a lungo la sua presenza qui.

E’ un orribile enorme gatto mammone nero e spelacchiato dall’aria minacciosa e dallo sguardo truce.

 

Non sono certa che mi voglia mangiare, dato che si nutre delle sue schifezze puzzolenti, ma temo fortemente che mi porterà via tutte le attenzioni e i privilegi che mi sono guadagnata finora. 

Ho avuto un barlume di speranza ieri, quando ho sentito dire: “Appena il gatto trasloca, cambio le lenzuola”.

Poi ho capito che il trasloco era dal letto al divano.

IMG_20200314_115913a.jpg
IMG_20200309_134756.jpg

Insomma faccio un appello ai miei fan perché lo so che siete in tanti che mi seguite: qualcuno di voi vuole un gatto??

Venite a prenderlo, liberatemiiiii!!!

Ecco, ora ho capito perché Suor Orsola.

Che razza di infami!

D61_3141_edited.jpg

Scusate se mi intrometto, ma a questo punto un mio intervento in proposito è necessario, o quantomeno opportuno.

Mi riconoscete??

 

In pochi mesi sono diventata un gatto di un certo peso e una notevole importanza, un gatto di tutto rispetto, sicuro di sé e fiero di me. Sono specialmente contenta di essere un gatto e non un coniglio!   

 

Mi chiamo Lulù, Tulip, Amore, Pronto, Vieni.

Ho i miei spazi, i miei giochi, le mie ciotole, le mie spazzole, il mio tiragraffi, la mia razione quotidiana di attenzioni che mi merito.

D61_3093.jpg

Faccio a tutti gli effetti parte della famiglia, e quelli che vengono a conoscermi rimangono incantati dalla mia bellezza:

"Che meraviglia sto gatto!"

"E' pelosissimo!!"

"Ma è di razza?"

"Guarda che occhiiiii". "Guarda che codaaaaa".

"Si fa toccare? Che morbido!"

"Posso fargli una foto così lo mostro alle mie amiche?"

"Anch'io ne voglio uno così. Me ne prendi uno, mamma?"

Siamo diventate amiche! C'è voluto del tempo ma è successo.

I conigli sono animali un po' primitivi rispetto a noi gatti che siamo una specie evoluta: tonti e lenti quanto basta, caparbi e attaccabrighe.

Io, da buon felino, ho avuto pazienza, l'ho osservata, ho rispettato i suoi spazi e i suoi riti, e alla fine è stata lei ad avvicinarsi a me, a desiderare la mia compagnia e cercarmi quando non mi vede.

(Per inciso, i conigli ci vedono malissimo!)

IMG_20201103_210235.jpg
nostre (18).jpg

Ci ha fatto avvicinare molto anche il fatto di condividere i momenti peggiori, tipo quando ci ridicolizzano sotto Natale vestendoci da elfi del bosco, per le loro foto idiote.

 

Ora Ulvipira mi adora e non può fare più a meno di me: mi si mette vicino a dormire, mi ospita a casa sua, mi offrirebbe perfino la sua verdura, solo che a me la verdura cruda non mi piace, e neanche quella cotta mi fa impazzire e spesso gliela lascio lì a quei due caproni che ancora non sanno i miei gusti.

A volte capita che usi la sua lettiera, così la mia rimane pulita, o che le bevo l'acqua già che ci sono, e lei non ci fa proprio caso. L'amicizia è condivisione.

E’ passato più di un anno e sto gatto arrogante è ancora qui, sempre più gigantesco e ingombrante.

Quindi io, che non sono stupida, faccio buon viso a cattivo gioco, o diventa una guerra intestina.

E' un animale molto invadente perché, con tutto lo spazio che ha a disposizione, mi si piazza pure in casa a me, mi beve l'acqua mia personale dalla tazzina e, ancora un po', mi sbafa pure la roba da mangiare!

Abbiamo una sola macchina in due per andare in giro, ma è così piccola che ci si sta solo in uno. Perciò la lascio a lei, che la spinge con la zampa e si diverte.

Poveri gatti. Sono animali proprio infantili come certe persone: spendono un sacco di energie a correre dietro a una palla o ad andare a caccia di uccelli.

Io la osservo con aria di compatimento.

Neanche se ne accorge: pensa che io sia cieca mentre ci vedo lungo.

Ciao ragazzi, un morbido abbraccio dalla vostra Ulvipira (martire)

8f90e132-6f52-4f22-9030-1b16592c0fd3.jpg

Credevo che ne avessero abbastanza, quei due, di un coniglio e di un gatto che non comunicano.

“Non comunicano” hanno iniziato a dire.

“Forse non sono la compagnia ideale l’uno per l’altro”.

A quel punto ci siamo allarmati io e Tulip: di chi si vogliono disfare?!

Invece è andata proprio all’inverso perché a Natale è spuntata una cavietta: un tipo buffissimo con un ciuffo platinato in testa che pare il leader di un complesso punk.

Elisa dice che è il suo topo.

IMG_20230111_171048.jpg
IMG_20230212_144648.jpg

Tulip appena l’ha visto non se l’è mangiato e non l’ha neppure rincorso, anzi ci è diventata amica!

Io ci ho messo un po’ di più a socializzare. Ho i miei tempi.

Inizialmente andavo solo a fregarle il fieno e la verdura.

Poi pian piano, lo confesso, ho iniziato a volerle bene.

Ognuno a casa sua eh!

IMG_20221222_170015.jpg

A lei hanno fatto un pick-up, soprannominato la “Leona-mobile”, che viaggia in giro per il soggiorno.

Hanno coinvolto fratelli e nipoti per realizzarla in grande stile!

Ci sta una piccola stanzetta, il bagno, il portafieno, la ruota per i criceti (che ovviamente lei non usa perché dice che non è un criceto).

Comunque io ogni tanto vado da Leona e lei viene da me, la mattina si fa colazione insieme, la sera si corre dentro il tunnel.

IMG_20230108_114012.jpg
IMG_20230323_114435.jpg
IMG_20230112_001746.jpg
20230930_143049.jpg

E Tulip?

Beh, trascorso un annetto hanno trovato una compagnia anche a lei: uno della sua specie, ma di una razza diversa. Questo ha le orecchie giù, è tutto bianco con un codone da volpe e gli occhi gialli come i gufi.

Un vero rompicoglioni e un distruttore, detto in due parole!

Un maschio.

Benché quelli abbiano le idee un po' confuse perché continuano a chiamarci "ragazze".

Però adesso la famiglia mi pare ben equilibrata: due umani, noi due erbivori, e i due felini.

Gli umani sbrigano le loro faccende personali e si occupano di noi, i felini passano il loro tempo a dormire e a rincorrersi come due scemi, mentre io e Leona facciamo la nostra vita tranquilla di erbivori.

20240114_170434.jpg
IMG_20230115_120652.jpg

Mi turba solo quella frase che sento ripetere troppo spesso: "la nostra discendenza sarà numerosa come le stelle del cielo!"

Chi altro devo aspettarmi???

Un cane?

Un maialino nano?

Una tartaruga??

Oppure un riccio? Un uccello? Una gallina?

Quale razza di furfante?!?

Io consiglio un pesce rosso!!!

20231117_165323.jpg
bottom of page